I Soviet Malpensa sono una band nata tra le province di Milano e Varese con l’idea di decostruire gli stereotipi dei generi musicali, senza porre limiti e regole ai propri scenari sonori.
Dopo aver realizzato alcuni lavori autoprodotti (“Musica elettrificata da ascoltare nei boschi” nel 2008 e “Requiem per i discografici italiani” nel 2010), registrati in totale autonomia, lavorando in studio, in casa, spesso di notte, senza budget e sempre con mezzi di fortuna, si classificano tra i finalisti di diversi concorsi nazionali e regionali, ai quali fa seguito la sonorizzazione live di “Metropolis”, il classico del cinema di Fritz Lang.
Nell’ottobre del 2013, con una formazione rinnovata, pubblicano "Slowdonia", un mix di ambient, punk rock e psichedelia, sound definito dalla stessa band come "ghost rock".
In seguito agli ottimi riscontri ricevuti per “Slowdonia”, si dedicano alla stesura dei nuovi brani che vedranno la luce nel 2018, avventurandosi in nuovi territori sonori, con un sound più a fuoco rispetto al passato e sempre con uno sguardo attento verso il futuro.