Gli ingredienti ci sono tutti, e sono dei migliori: una patchanka etnica, il folk, tutti i colori del dialetto, qualche foglia di reggae giamaicano e una buona dose di funk.