Gay for Luke Perry

Nel 2008 Alan si inventa la band “The Van Houtens”; una vera band a (quasi) tutti gli effetti: i membri sono persone realmente esistenti, ma totalmente ignare di essere parte di una pop band. Grazie a questo stratagemma però da un lato Alan può respirare l’emozione di essere parte di una band, dall’altro si risparmia le classiche scocciature del caso (il chitarrista ubriaco, la sala prove, la democrazia…)
I primi brani, registrati con un microfono per videoconferenze e la vecchia chitarra di un parente, attirano inaspettati consensi e un discreto numero di ascolti su MySpace. I Van Houtens cominciano ad incuriosire riviste specializzate, siti internet e blog.
Un giorno Alan riceve una telefonata di quelle che non ti aspetti: McDonald’s vuole a tutti i costi (peraltro non così alti, in questo caso) utilizzare un brano dei Van Houtens come jingle per lo spot tv del nuovo panino Chicken Gourmet. Da lì a poco tempo, e per molto tempo (dal 2008 al 2010) “(It’s a) Beautiful day” sarà trasmessa da tutti i maggiori network televisivi e radiofonici italiani.
La curiosa storia d’amore e di soldi tra una delle più grandi multinazionali del globo ed un artista ultra-indipendente diventa molto popolare sul web; il magazine “XL” (inserto del quotidiano “La Repubblica”) vuole la batterista dei Van Houtens per un articolo e un servizio fotografico sulle 5 musiciste più cool dello stivale. Ovviamente nessuno si immagina che Lia19, la batterista ufficiale dei Van Houtens, non è altro che una pornostar americana. Alan deve perciò chiedere a sua sorella Karen un favore molto speciale: “fai finta di essere Lia19, la batterista dei Van Houtens, per un solo giorno”.
Agli inizi del 2011 Alan decide che i membri dei Van Houtens sono pronti per diventare persone in carne ed ossa: pubblica un appello su Rockit e trova dei musicisti di bell’aspetto che diventeranno a tutti gli effetti i nuovi membri dei Van Houtens. Dopo pochi mesi di prove i Van Houtens sono finalmente pronti per esibirsi live: il primo step è un mini tour in alcuni club storici di Milano (Rocket Club, Magnolia, Ligera, Sacrestia, Teatro Parenti-Elita Sunday Park…)
Ma ora i Van Houtens sono pronti a vincere più di un Grammy Award con “FLOP!” l’album di esordio. Il video del primo singolo “John Ferrara & Betty Karpoff” è in rotazione da qualche parte.
www.facebook.com/thevanhoutens
www.soundcloud.com/vanhoutens
vanhoutens@hotmail.co.uk