Leggi la recensione Video in questo album (3)

Descrizione

“Quattro” perché è il loro quarto disco.
Ma “Quattro” anche perché i dieci brani, rigorosamente registrati in analogico su nastro, sono il risultato di quattro personalità, ognuna con un suo spazio e contributo.
Fin dall’inizio la linea portante del CD è stata quella di un allontanamento dal suono dei lavori precedenti, portando in primo piano il gruppo rispetto alla voce solista, e quindi sviluppando e dando maggior spazio a un aspetto delle composizioni della band già comunque presente in “Underfloor”, “Vertigine” e “Solitari blu”.
La scelta di registrare senza editing si è rivelata importante per mantenere intatta la freschezza dell’improvvisazione e dell’esecuzione live, pur in un contesto di arrangiamenti raffinati ed elaborati: al classico power-trio chitarra-basso batteria si sono aggiunti la viola, spesso processata, il mellotron, il piano fender, gli archi, oltre alle armonie vocali che per la prima volta rivestono un ruolo importante in un disco degli Underfloor.
Il lavoro sui testi in italiano è stato a lungo meditato, in funzione di un linguaggio essenziale che privilegia la musicalità della parola alla narrazione pura, la metafora alla dichiarazione esplicita.
Gli Underfloor proseguono lungo un cammino che li vede coerenti con le proprie origini, rinvenibili nella corrente psichedelica e alternative rock, ma sempre più proiettati verso un percorso originale e mai scontato.

Credits

Guido Melis - basso elettrico, voce
Marco Superti - chitarre elettriche ed acustiche
Giulia Nuti - viola, tastiere
Lorenzo Desiati - batteria

Prodotto da Underfloor
Registrato al Plastic Sun Studio di Firenze - estate 2012
Missato da Guido Melis - ottobre 2012

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati