Leggi la recensione

Descrizione a cura della band

Ma gli androidi sognano pecore elettriche?
Ascoltare "Hanno ucciso un robot", seconda prova sulla lunga distanza della formazione livornese, forse può darci una mano a comprenderlo. E' infatti un disco che parla italiano ma sogna altre ter-re. Quello che ispira la band livornese The Walrus è l'indie rock anglosassone e americano, che siano Pavements o Vaccines poco conta perché tra mostri sacri e nuove leve rilegge in maniera personale ciò che tanti tentano di fare vanamente. Il suono è leggero nelle intenzioni, compen-sando quello delle sonorità e come nel lavoro precedente l'attitudine è quella di uno sviluppo ar-monico semplice ma incisivo.
Si attraversano paesaggi sonori differenti, sfumature pop e progressioni party rock'n'roll, ma è la rinnovata presenza di Marta Bardi alla voce a dare al caleidoscopio di emozioni un respiro aggior-nato, riveduto e corretto, tanto da far sua la leggerezza delle domeniche mattine, dei lunedì a casa da lavoro, che riporta il meglio degli Scisma dentro il 2012.
Tematiche di cambiamento nella voce di Giorgio Mannucci: "Dai con la vita", "Specchio" e gli echi tra Stereolab e Baustelle di "Sogno". Una fuga che parte con "Hanno ucciso un robot" e che si farà strada all'interno della canzone pop italiana, grazie alla varietà di registri toccati e una sensibilità altra.

Credits

Garrincha Dischi, www.thewalrus.it
http://garrinchadischi.bandcamp.com/album/hanno-ucciso-un-robot

THE WALRUS: Giorgio Mannucci (voci, chitarre), Francesco Pellegrini (chitarre), Marta Bardi (voci, tastiere), Dario Solazzi (basso), Alessio Carnemolla (batteria, tastiere).
Musiche di The Walrus. Testi di Francesco Pellegrini e Giorgio Mannucci.
Arrangiamenti: Lorenzo Ori e The Walrus.
Grafica di Francesca Lombardi.

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati