JuJu è l'ultima incarnazione di Gioele Valenti (ex Lay Llamas, Herself).

Parola usata per designare oggetti, come amuleti e ninnoli magici, o come invocazione malefica nei cerimoniali dell’Africa dell’ovest, Valenti espande la sfera semantica di ‘juju’ fino a comprendervi un mix di psichedelia ritmica, antichi miti e neopaganesimo Mediterraneo. Attraverso la musica che ne scaturisce, JuJu racconta la storia di un inarrestabile esodo da un’Africa (qui solo suggerita e allegorica), che troppo spesso finisce in tragedia del mare totalmente ignorata, “una totale disfatta per l’umanità’’. Ispirandosi alla magia della Madre Terra e ai segreti del sottosuolo, JuJu prova a sublimare quella sconfitta in una sorta di celebrazione dello spirito nelle forme di una moderna psichedelia.

Un pensiero infinito ai dimenticati del mare. We Are You.