Leggi la recensione

Descrizione

3 è il terzo disco dei delay_house. Come gli album precedenti non ha un titolo, ma un numero che lo pone in relazione con questi e sottolinea il fatto che la band sta facendo un percorso. Da principio ha cercato il proprio sound registrando strumenti elettrici senza amplificazione. Poi ha composto brani basati interamente su incastri ritmici dati da loop. Con “3” I delay_house non costruiscono un altro schema teorico, ma riutilizzano le caratteristiche messe in gioco precedentemente, come gli strumenti senza amplificazione, I testi di una o due parole, I delay, gli shifter, I loop, e li lavorano in maniera nuova. Così I loop, che erano cellule ritmiche sempre uguali a sé stesse, acquistano la dinamica; gli strumenti senza amplificazione vengono poi processati con amplificatori virtuali; il pitch shifter viene usato come strumento per suonare una voce microcampionata nelle sillabe o nelle vocali.
Restano forti I rifiuti e le scelte estreme: ad esempio il rifiuto per la struttura-canzone (strofa-ritornello-bridge) e la scelta dei testi cortissimi, in italiano. Cortissimi perché I delay_house cercano di musicare delle sensazioni astratte, mai delle figure. E in Italiano perché le vocali sono più aperte, e forse anche più belle, di quelle inglesi. Resta forte anche la componente elettronica del sound, che affianca alla batteria elettronica anche l'uso della tastiera come controller midi, che aggiunge melodia ai pezzi, a volte sotto forma di synth, a volte di piano.
“3” è un disco che racchiude pezzi martellanti (ti saluta giulia), atmosferici (chessaradinòi) e anche forti sperimentazioni, come “sono muto”, brano interamente fatto da tracce di voce.
Alcune curiosità: testo e titolo di “ti saluta giulia” sono rimasti in dubbio fino all'ultimo. Prima della lavorazione del disco erano stati registrati su audiocassetta degli sketch dei brani, che poi sono stati lavorati fino a venire stravolti anche del tutto. Lo sketch di chessaradinòi è stato incluso nel cd (non nella release mp3) come ghost track.

Credits

fabio [voce.chitarra/shifter]
andre [drumpad.loopstation.synth]
ale [basso]
emi [chitarra.delay.ebow]
Tommy dei Girless & the Orphan urla in "ti saluta giulia"
Stefania dei Talk to Me ha prestato la sua voce in "sono muto"
Valentina Perazzini ( www.valentinaperazzini.it ) ha curato la copertina e l'artwork

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati