I Là-bas raccontano storie piccole, tra rimpianto e scetticismo, "cantori di storie intime e velatamente meste", senza speranza, né rivolta. Dietro ogni espressione artistica c'è sempre una musa, no? Allora perché non il cantautorato dei Settanta o le contemporanee esperienze indiepop. I testi, in italiano, non vogliono imporre stati d'animo, ma cercano di risvegliarli in coloro che ascoltano; è importante per noi curare l'espressività del messaggio, la scelta delle parole come ulteriore e indispensabile strumento melodico e di comunicazione.
I Là-bas nascono nel gennaio 2003, quando la neve ricopre tutto, compresa la nostra sala prove sulle colline torinesi. L'ambiente bucolico ci aiuta a riflettere e a prendere tempo. Nascono le canzoni, e non può essere diversamente. A fine estate, dopo aver fermato i primi pezzi su un 4 piste (che andranno a comporre l'EP Il pranzo della domenica - Piccole intemperanze) partecipiamo alla rassegna Torino Sotterranea, vincendo inaspettatamente.
L'estate porta con sé l'ispirazione (e i soldi) per registrare qualcosa. Nelle campagne pinerolesi, nei dintorni di Torino, produciamo Addio al pugilato, che contiene sei canzoni. Nel gennaio del 2006 vinciamo la rassegna Macchina Sonora di Rivoli (To) e iniziamo a suonare live più spesso e meglio: prima al Revolver Festival di Torino, poi a Treviso con i Valentina Dorme e a Sant'Elpidio a Mare per la rassegna St. Indie. Partecipiamo e arriviamo secondi a Notturno Musicale, estensione del festival Frequenze Disturbate di Urbino.
Tanti concerti e alcuni cambi di formazione: lascia il gruppo il chitarrista, lascia il gruppo il batterista, e un po' complichiamo il nostro percorso... Ma arriva la Prima scelta su Rockit: Addio al Pugilato è l'album del mese.
Nell'estate del 2007 riusciamo a essere miracolosamente stabili e tranquilli. Al chitarrista Cesare, già in formazione da un po' di tempo, si unisce Andrea, dietro alla batteria. Gli altri due, Matteo e Marco rimangono per ricordare il passato e (farsi) tentare il/dal futuro.
I Là-bas registrano Il sole in città nel dicembre 2009 presso lo studio Cerchio Perfetto di Tino Paratore, ritornano a suonare dal vivo, riavvolgono il nastro, tornano a cantare, scrivere, immaginare.
Nel 2013 arriva finalmente l'esordio discografico, l'omonimo LÀ-BAS (Lavorarestanca/Audioglobe, 2013), prodotto in collaborazione con Fabio de Min (Non voglio che Clara). 11 canzoni che scivolano - e chissà se risalgono - tra un certo passato e un incerto presente, tra disturbi alimentari, viaggi di nozze, parcheggi dei supermercati, marchi registrati, insostenibile pesantezza dei cuscini e sogni del giorno dopo. E chi si è visto si è perso.

I Là-bas sono:
Matteo Gorgoglione - voce, chitarra;
Cesare Crova - chitarra, cori;
Marco Gianotti - basso, cori;
Andrea De Taddeo - batteria.