Lapingra è un progetto di collaborazione ludico/sonoro/corporale nato nel 2007, dai due giovani ragazzi molisani Paolo Testa e Angela Tomassone, che, avendo in comune la passione per la casa di Barbie, il dolce forno e le micromachines , decidono di rispolverare il vecchio baule rosso contenente i loro giocattoli d’infanzia e dar loro una seconda vita. O una seconda chance. Nasce così il progetto Lapingra, un duo dalle sonorità molto stravaganti e poco ricercate. Nonostante abbiano evidenti influenze che spaziano da Bjork alle Spice Girls, da Walt Disney ai Bauhaus, si avverte la volontà di un forte distacco da questo tipo di genere, utilizzando una grande quantità di idee, di sonorità, di intenzioni. Accostando suoni orchestrali ai suoni emessi da un peluche a forma di civetta i Lapingra rievocano mondi magici e fatati (avvertibili anche senza occhialetti 3D) e allo stesso tempo ci scaraventano nei meandri della musica elettronica anni ’80 dove i vecchi ritmi delle tastierine Chicco vengono utilizzati senza vergogna come veri e propri sintetizzatori. Che sfacciati. Attivi da 3 anni e con alle spalle due EP l’omonimo Lapingra (2007) e Farewell Gallinella(2008) e un album : Salamastra, caratterizzato dall’utilizzo di strumenti più classici quali trombe, sax e violini; in un temibile incontro/scontro tra l’orchestra del Santa Cecilia e i camion dei pompieri.