Il Bollettino di venerdì 12 marzo

Le migliori uscite della settimana scelte dalla redazione di Rockit

Il bollettino della settimana #10
Il bollettino della settimana #10

 Dopo il monopolio mediatico che Sanremo ha avuto e che ci ha costretto a tenere occhi e orecchie incollati all’Ariston, torniamo ora con il nostro consueto appuntamento di musica nuova: il bollettino del venerdì, questa volta in una versione speciale che include anche le uscite della settimana precedente. Proprio per staccarci dai fantasmi dell’Ariston, abbiamo deciso di dare maggiore spazio a tutta quella musica che negli ultimi giorni è stata eclissata dalla kermesse sanremese. I dischi più interessanti di alcuni artisti che hanno partecipato al festival li troverete ugualmente, ma abbiamo parlato più nel dettaglio dell'argomento qua. Inoltre, questo pomeriggio, dalle 16:30 alle 18, parleremo di un po’ di musica nuova anche su Rockitmag, il nostro canale Twitch, con il primo appuntamento della nostra neonata rubrica Casual Friday. I nostri ospiti di oggi saranno Colapesce e DimartinoAltre di B e Blank. Ci vediamo lì!

Altre di B – Green Tea Tiramisu / It's So Cool

Dopo Peacock e Diagram, ecco un’altra doppietta di singoloni indie rock per il gruppo bolognese: Green Tea Tiramisu è dedicata all’amico ed ex tastierista del gruppo Vittorio Marchetti, mentre It’s So Cool è una breve lista di tutto ciò che ci fa stare bene, anche solo idealmente (come tirare sotto un razzista).

Blank – Felici a metà

Il primo disco di Elena De Salvo, in arte Blank, è un processo di auto-terapia, che oscilla tra l’indie, il pop e l’urban, tra la speranza e la malinconia, alla continua ricerca di un equilibrio quasi utopico tra i vari aspetti che compongono la nostra vita. Siamo tutti Felici a metà.

Irbis37 – Ragazzini

Rumore, amore e ribellione: Irbis37 guarda verso il punk e lo interpreta a modo suo, per raccontare il suo marasma emotivo, di come sentirsi ancora ragazzini mentre tutto va a rotoli. “Scapperò dal mio quartiere come da uno Stato in guerra, Passerò tutte le sere a fare l’amore con te”.

Luzee – Shadows

Il bassista e producer Luzee gioca a intrecciare melodie sognanti di pianoforte e flicorno su un nevrotico beat, per poi far culminare il tutto con l’ingresso della tromba di Giovanni Tamburini. Un altro prezioso tassello, in attesa del suo disco Seed.

TWAN – Entropia

Accompagnato dagli spettacolari artwork di Leif Podhajský (già collaboratore di Bonobo e Tame Impala), Entropia è l’ultimo singolo di Antonio Marra aka TWAN, producer di stanza a Londra. Una fusione di deep house, alternative e future garage per trovare, nel caos, l’ordine.

Typo Clan – Wake Up

Autodefinitisi i “dissidenti della scena italiana”, i Typo Clan tornano con una cruda miscela di hip hop e funk su cui si ripete, sempre più veloce, l’angosciante mantra “Wake up, work, come back home, smoke a joint, repeat”. Riusciremo a uscire dal malato loop della routine?

Vale Nicole – Mezzanotte

Il debutto di Vale Nicole, nome d’arte della cantante classe ‘97 Valeria Locurcio, è un disco dalle melodie avvolgenti e sensuali, che si muove sinuoso tra funk, soul, r’n’b e jazz. Un esordio maiuscolo, impreziosito ulteriormente dal tocco di Natty Dub come produttore.

Disco della settimana: Marco Zanotti – RE-FLEXIO

Marco Zanotti si addentra per territori artistici inesplorati, dove l'intreccio poliritmico delle percussioni – alcune inventate per l'occasione – diventa un inestimabile reportage di luoghi inaccessibili e inesistenti. Fondamentale l'apporto di Gaia Carboni e delle sue incisioni su lastre d'alluminio nella versione fisica del disco, che offre una componente visiva a questo incredibile gioco di prospettive.

Dischi

Barracano – Neanderthal: Rafilù di casa Pluggers pubblica un ep di 4 tracce tra crudezza, disillusione e romanticismo, con le firme di Simoo, Crookers e Goedi alla produzione e i feat di Joe Scacchi, Silent Bob e Hosawa in Fuorilegge 2

Fulminacci – Tante care cose: Se La vita veramente era un disco ibrido, Tante care cose è la dimostrazione di quanto Filippo sia un cantautore intelligente ed educato. Musica pop perché si ha qualcosa da dire, non tanto per fare.

La rappresentante di lista – My mamma: Dieci canzoni grandissime e tre strumentali scritti e suonati in una performance che è già in atto, anche senza un palco a disposizione. La meraviglia sono ancora una volta loro.

Petrolio – Club AtleticoPrimo album di una trilogia sul regime dittatoriale nell’Argentina degli anni ’70, Club Atletico scava un tortuoso percorso nell’animo umano, trasmettendo uno spaventoso senso di oppressione. 

Wrongonyou – Sono ioIl nostro inviato speciale da Sanremo arriva al secondo disco interamente in italiano mettendosi sempre più a nudo, lasciando emergere tutta la sua sincerità.

Singoli

Serena Abrami – Feeling Good: La cantante dei Leda, in occasione della giornata internazionale della donna, pubblica una essenziale cover solo chitarra e voce del classicone di Nina Simone.

Bresh – Angelina Jolie: Bresh avvicina sempre di più la Drilliguria al cantautorato, trovando una sua poetica con il proprio linguaggio urbane e contemporaneo.

Bye.tide – Amsterdam: I Bye.tide raccolgono le istantanee di un amore che si sgretola, convertendole in evanescenti synth e armonie malinconiche, mentre tutti i punti di riferimento scompaiono man mano.

Durmast – Trip: Il producer marchigiano Durmast ci lascia un assaggio del suo nuovo album, Alone, con il singolo Trip, dai trascinanti climax elettronici in cui perdere la testa.

f o l l o w t h e r i v e r – Werewolves: Werewolves è un brano in cui convivono folk ed elettronica, rintocchi tribali e oscuri, synth e oscuri, e in cui, come i lupi mannari, due anime diametralmente opposte si trovano a convivere.

Kende – 2018: Kende, classe '98 della Tempo Records di Big Fish, pubblica una storia d'amore melodiosa che tende al pop, pur mantenendo una forte anima rap.

Lagoona – Londra: Gli umbri Lagoona raccontano il viaggio lungo una notte (che sembra una vita) con una ballata nostalgica di delicato rock.

Chris Lavoro – Last Goodbye: Dopo una carriera ricca di collaborazioni, da Neffa a Ghemon, Chris Lavoro sta tornando a dare la sua prospettiva in prima persona. Last Goodbye è una canzone di speranza, un invito a riprendere l’onda e ripartire.

Lewisland – Cali Eyes: R'n'b sensuale che strizza un occhio a D'Angelo e uno agli anni '80, Cali Eyes è il primo singolo del 2021 di Lewisland.

Nicosin – Save me/Shawty: L'esordio del rapper classe 2001 Nicosin è un doppio singolo di genuino struggimento per un amore che finisce.

Nrec – DoodlingIl producer italiano di stanza a Berlino, su una strumentale soul, crea un coinvolgente esperimento musicale, dove la voce diventa melodia, armonia e ritmo.

Piqued Jacks – Fire Brigade: Ultimo singolo prima di Synchronizer, in uscita la prossima settimana, Fire Brigade ci aiuta a non arrenderci e ad affrontare qualsiasi ostacolo possa provare a fermarci.

Rugo – Formiche: Rugo sforna un altro breve assaggio di “Muzic Italien”, come la chiama lui, dove i suoi sfuggenti versi disegnano un quadretto di dolceamaro pop.

Supernino – Bastava dirlo: "Bastava dirlo prima, che mi volevi morto". Supernino si rivolge alla sua ex, protagonista di una storia dal risvolto tossico e dannoso. Il tutto, ambientato nella solita Torino.

Leon Seti – Antidote: Ballata solo voce e chitarra, Antidote riflette sull'apatia di una intera generazione, ingabbiata da una routine da cui sembra impossibile liberarsi.

Touché – Touché: Il biglietto da visita del rapper 17enne padovano di origine marocchina, che già avevamo addocchiato l'anno scorso, con la produzione di TY1.

---
L'articolo Il Bollettino di venerdì 12 marzo di Vittorio Comand è apparso su Rockit.it il 2021-03-12 10:10:00

COMMENTI

Aggiungi un commento avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia