L’Italia è uno dei paesi europei dove si vendono più giradischi

04/07/2017 09:44 di

A costo di sembrare eccessivamente ripetitivi, ormai è noto che quello del vinile è un mercato in crescita. Le major stanno riaprendo gli impianti per stampare vinili e quasi ogni settimana troviamo nuovi oggetti di design pensati apposta per aiutare gli appassionati a esporre al meglio i loro dischi in casa.

A ulteriore conferma, ora c'è anche uno studio condotto da Idealo - il portale internazionale per la comparazione dei prezzi, dedicato ai trend europei. I risultati sono più che positivi: tra il 2015 e il 2016 l’interesse è aumentato circa dell’80% con una previsione di crescita del +110% entro la fine del 2017. Gli amanti di questo supporto prediligono il rock, che si piazza come il genere più venduto con il 33,1% delle preferenze, mentre il decennio che va per la maggiore è quello degli anni '80.

Tra tutti i dati, però, quello più interessante è quello relativo all’acquisto dei giradischi. Se infatti uno dei luoghi comuni più diffusi quando si parla di vinili è che tutti li comprano ma poi nessuno li ascolta, secondo Idealo invece la vendita crescente dei giradischi confermerebbe che oggi il vinile non è solo un oggetto da esporre in casa ma un supporto realmente utilizzato. Ancora più interessante notare che nell’ultimo anno in Italia i giradischi hanno avuto un exploit notevole segnando un +70% nelle vendite, mentre la media europea si è fermata al +18%.

Così conclude Fabio Plebani, Country Manager di idealo per l’Italia:

“Dalla nostra ricerca abbiamo riscontrato un reale aumento dell’interesse da parte degli utenti europei verso il mondo del vinile, nel senso più ampio possibile. Il mondo della tecnologia e di internet ha portato ad una rivoluzione senza precedenti negli ultimi decenni, con la diffusione della musica su supporti digitali, i cambiamenti nelle abitudini di ascolto e la nascita di piattaforme dedicate e servizi in streaming; è interessante vedere come quello stesso mondo è capace di contribuire oggi ad un rilancio dei vecchi supporti fisici, e anche dei sistemi per ascoltarli. L’e-commerce, forse ancor più in questo settore che in altri, si rivela una risorsa in termini di offerta, un amplificatore delle informazioni e un moltiplicatore delle possibilità. Non solo dal punto di vista del consumatore, che può avere accesso a titoli e ad album di qualunque tipo ed epoca, magari introvabili o difficili da reperire tramite i canali tradizionali, ma anche per i negozianti. Ci auguriamo che i negozi di dischi che scelgono il commercio digitale come canale di vendita e fonte di nuove opportunità siano sempre di più e che continuino ad aprirsi all’universo dell’e-commerce per raggiungere un numero sempre maggiore di appassionati, anche al di là dei loro confini”.

(via)

Tag: vinili

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati