eclettici per vocazione, rock perchè costretti, in inglese per convinzione, inconsciamente italiani

1. Il nome Pin Cushion Queen è dovuto a una filastrocca scritta da Tim Burton

2. Di Burton volevamo riprendere il gioco tra il gotico onirico e la presa in giro del quotidiano paradossale, per calarlo in un ambito rock dalle intenzioni bellicose. Il progetto nel frattempo si è trasformato, si è trasferito, ha cambiato componenti e ha preso molte direzioni diverse rispetto all’inizio. Ma il nome non è cambiato così come le intenzioni bellicose

3. Ora il gruppo di base è a Bologna ed è composto da tre elementi: Micciola, Calandrino e Zanardi. L’ultimo è soprattutto un batterista, ma gli capita anche di suonare strumenti elettronici. Tutto il resto (basso, chitarre, voci, synth e quant’altro) è diviso tra gli altri due

4. Fin dall’inizio siamo passati dallo stoner all’indietronica e dai riferimenti più colti al punk, senza nessun rispetto.