< PRECEDENTE <
RECENSIONE
15/07/2011

Gli Worlich sono una band emiliana, nata ai tempi del liceo. Il nome si pronuncia War Leech e non c'è nessun significato per questo nome, che deriva da un lapsus di un ragazzino delle medie, amico del cantante.

Le canzoni degli Worlich hanno un' atmosfera malinconica e seducente che d'impatto ricorda gli Smashing Pumpkins, ma che rimanda anche al suono dei Sonic Youth. La voce ha aspetti in comune con quella di Billy Corgan, ma sono presenti richiami anche a Chris Martin dei Coldplay, gruppo da cui gli Worlich sembrano riprendere alcuni arpeggi dalle sonorità nostalgiche.

I testi dell'EP hanno un'atmosfera che sembra emergere dall'inconscio, sono come uno stream of consciousness, vagamente/abilmente sconnessi. Succede in "Tilia", succede soprattutto in "The Bye Bye Song", canzone d'addio che condensa quella certezza per cui diamo sempre per scontato l'amore di qualcuno. "It's the first week of december and i'm writing this song for you bye-bye": così danno il loro addio a quel qualcuno che se n'è andato e forse non tornerà. Dai testi alle musiche, gli Worlich danno vita a un alternative rock leggero e malinconicamente piacevole, decisamente indie.

Tracklist

00:00
 
00:00
Commenti (6)
Carica commenti più vecchi
Aggiungi un commento:

ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
> PROSSIMA >