< PRECEDENTE <
album Vecchio - ThegiornalistiIn evidenza

recensione Thegiornalisti Vecchio

2012 - Cantautore, Pop

RECENSIONE
26/09/2012

“Vecchi sotto al sole siamo nati e vecchi sotto al sole ce ne andremo andremo su Madre i vestiti di mia madre sanno di storia e ci piacciono di più Padre gli occhiali di tuo padre sopra le rughe ci piacciono di più”. Fatevene una ragione, facciamocene una ragione: viviamo nell'era del riuso. Possiamo intristirci e vivere in un culto passivo dei classici perché tanto niente può più essere inventato, oppure possiamo divertirci a smontare e rimontare, a tagliare e incollare, a leggere e riscrivere, a ravanare negli armadi di mamme, papà, nonni e zii, a guardare avanti camminando all'indietro, ad andare avanti guardando indietro, a – visto che (forse) non si può inventare – re-inventare. I Thegiornalisti hanno scelto la seconda strada, e la percorrono col passo deciso di chi dalla sua ha un'arma invincibile: le canzoni.

Classiche, solide, belle canzoni, costruite con la sapienza creativa di chi la storia non la studia ma la usa come ispirazione per altre storie, di chi sa come usare tutti i materiali, cosa tenere e cosa buttare, di chi di primo acchito ti sembra che suoni “vecchio”, ma invece basta un attimo per capire che i veri vecchi questa musica non la capirebbero. Basta ascoltare i testi, attuali e surreali. Basta immaginarsi di vederli a Sanremo, e rendersi conto di come ci stonerebbero su quel palco, con le loro melodie così italiane eppure così poco scontate, coi loro arrangiamenti così anni sessanta (ma non solo: “Guido così” va ancora più indietro, “Cinema” riprende gli echi strokesiani di “Vol. 1”) eppure per niente antichi.

E però quanto ci piacerebbe vederli davvero a Sanremo, sentire il beat e il brit e le chitarre indie e il jazz da balera e i cantautori, il rock e il pop, i Beatles e Battisti e Sergio Caputo e i Lunapop e tutto quello che risuona in questo disco, ci piacerebbe perché tutti dovrebbero capire che si può ancora fare del pop, del vero pop, senza essere vecchi - né dentro né fuori - anche senza inventare, solo riusando quello che c'era già. Basta farlo bene, e loro lo fanno molto bene.

Tracklist

Ascolta su: Apple Music Amazon Music Tidal
00:00
 
00:00
Commenti
    Aggiungi un commento:

    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
    Chi ha letto questa recensione ha visto anche:
    > PROSSIMA >
    Pannello

    TOP IT

    La top it è la classifica che mostra le band più seguite negli ultimi 30 giorni su Rockit.

    vedi tutti

    ULTIMI ALBUM

    Gli ultimi album con ascolti caricati dagli utenti.

    vedi tutti
    Cerca tra gli articoli di Rockit, gli utenti, le schede band, le location e gli operatori musicali italiani