Francesco Vannini Dinecessitavvirtù (Temo sia una demo) 2011 - Cantautoriale, Folk, Acustico

Dinecessitavvirtù (Temo sia una demo) precedente precedente

Buon disco per contenuti e riflessioni ma con un'impronta cantautorale ancora da affinare.

Una chitarra, un tamburello, un’armonica e un kazoo. Una musicalità fresca, leggera e scanzonata. Testi e parole che ghignano e se la ridono, dissacrando e sbeffeggiando su tutto ciò che ci circonda. Una voce divertente e divertita senza strabiliare per particolare dote o talento. Francesco Vannini si presenta a suo nome ma inizialmente ti sembra qualcun altro, l'Edoardo Bennato di "Sono solo canzonette" o "Nel paese dei balocchi". Album sincero fino in fondo, di sicuro, ma di fronte a parecchi paragoni non saprebbe reggere il confronto. 

Mi spiego meglio: sentito e piacevole, questo lavoro muove inevitabili paragoni. E allora sarà sempre la solita minestra, direte voi. E’ quasi certo, direi io, tuttavia le liriche di Vannini valgono per contenuti e riflessioni. "Dinecessitàvirtù" segue un filo rosso che lega tutte le tracce. L’analisi di tipo sociologico-esistenzialista del cantautore riflette sulla mediocrità di un certo linguaggio politicante vuoto, inconsistente e pericoloso ma a cui siamo da tempo abituati ed assuefatti ("Bomboletta spray"); sottolinea la drammaticità della televisione spazzatura e l’ansia di apparire senza voler prima di tutto essere ("Spenta la tv", "Tutto fa audience"); descrive l’orrore a cui siamo quotidianamente abituati perché certe notizie fanno più presa e si vendono meglio della bellezza che ci manca ("Il grande varietà", di rimando al testo "Cattiva" di Samuele Bersani); ironizza sulle truffe e i raggiri sporchi di cui questo paese si nutre ("Mastro Lindo"); celebra, in conclusione, la volontà di rimanere autentici alimentando i propri sogni e rincorrendo le proprie aspirazioni ("Dinecessitàvirtù").

Faccio il punto allora. Cosa significa essere un cantautore che fa di necessità virtù? Non un improvvisatore, né tantomeno un affabulatore, il cantautore virtuoso impara un mestiere serio, poeticando in musica cose sensate e credibili in un mondo insensato e non credibile. Lo stesso mondo che Vannini descrive nel disco con abilità, ma su cui sta affinando la sua virtù. Da ricercare però nella propria essenza e non nell’altrui, perché solo così fanno i poeti, i veri musicisti e i cantautori di mestiere.

---
La recensione Dinecessitavvirtù (Temo sia una demo) di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2013-08-01 00:00:00

COMMENTI (2)

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
  • liberacapozucca 8 anni Rispondi

    Grazie a te per le precisazioni dovute! Il lavoro ha degli ottimi spunti, soprattutto riguardo ai contenuti. Offriranno di certo una sicura base di lancio. Buona fortuna e a presto

  • utente48232 8 anni Rispondi

    Grazie mille Libera per la recensione agrodolce. La fortuna di una demo è che è "dimostrativa" ma non esaustiva, tutt'altro. A settembre quello che oggi è demo verrà registrato con tutte le sonorità e i mezzi di un disco vero e sarà il mio primo EP ufficiale da solista con grandi sorprese "arrangiative" che non hanno nulla a che vedere con questo piccolo lavoro casalingo e spero di superare i limiti che hai evidenziato e che condivido in toto!
    "Dinecessitavvirtù (temo sia una demo)" nasceva musicalmente come un gioco ad arrangiarsi con i pochi strumenti a disposizione (togliendo dalla lista il mio strumento principale, quello che ho studiato davvero, cioè il pianoforte) dunque quei suoni che sono dotazione del cantautore pop folk italiano come Bennato, Graziani e compagnia bella. Dunque musicalmente non poteva che essere così! L'arrangiamento reale che oggi veste queste stesse canzoni non ha nulla a che vedere con questo, purtroppo o per fortuna!
    Grazie ancora
    Francesco Vannini