Jens Hvalsang Whale songs in the mountain lake 2014 - Lo-Fi, Folk, Acustico

Whale songs in the mountain lake precedente precedente

Un disco che si distingue dagli altri per il particolare trattamento della voce, più timbro che parola

Jens Hvalsang (a.k.a Kleingott) propone sin dai suoi pseudonimi i suoni duri e sfuggenti, più timbro che parola, che tornano anche nel suo modo di cantare. Un neo-folk spoglio che trova il suo riferimento nei momenti più distesi e para-orchestrali degli Spiritual Front o nelle esperienza chitarra/violino di Nick Cave e Warren Ellis, su cui si innestano timbri della tradizione folk americana (il banjo di “Strychinine in my rum”).
Meno funereo rispetto agli esordi, ciò che caratterizza e distingue questo disco, come già accennato, è il particolare trattamento proprio della voce, la cui pronuncia strascicata e gorgogliante rende quasi incomprensibili i testi ma arricchisce il tessuto musicale di un suono che se da una parte è vero e proprio timbro, dall'altra suona quasi come una lingua inventata proveniente da un mondo fantasy o dalla letteratura horror svedese.
In questo, Jens ricorda l'ultimo lavoro di My Dear Killer, con cui condivide anche le atmosfere eteree e in parte inquietanti, in cui i suoni d'ambiente e gli arrangiamenti dei fiati creano un mondo tangibile (“The curse of the whale”), ricco di turbolenze elettriche e dolcezze pianistiche (“Anchors & ballasts”). “Pirate folk” lo definisce lui, e l'elemento piratesco si ritrova anche nella copertina e nella malinconia di melodie che sono esse stesse racconto, nella particolare capacità sinestetica di questi brani che si fondano su pochissimi strumenti (chitarra, pianoforte, rumori, e lo ripetiamo di nuovo, voce) inseriti in una densità atmosferica che si può toccare.

---
La recensione Whale songs in the mountain lake di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2014-12-04 08:00:00

COMMENTI

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
IL TUO CARRELLO