Kindred Connection Unexpected Revelations 2018 - Folk, Elettronica

Unexpected Revelations precedente precedente

Un disco che racchiude canzoni elettroacustiche dalle piccole tempeste elettriche unite a sonorità folk.

Anno nuovo, primo lavoro discografico dei Kindred Connection che racchiude canzoni elettroacustiche dalle tempeste elettriche e dalle sonorità folk. “Unexpected revelations” conta dodici brani che esplorano il tema del divenire, del sentirsi rinnovati da un cambiamento inatteso attraverso le sfide e le angosce del proprio tempo. La narrativa fonde spensieratezza e malinconia a dar vita a riflessioni sul passato, il presente e il futuro di una generazione viscerale che appare dubbiosa e incerta di sé stessa, eppure consapevole che la vita incoraggia e sorprende inaspettatamente. Gli arrangiamenti fondono l’acustica e l’elettronica in un’operazione sincretica volta ad unire due suoni distinti in un lavoro musicale di ampio respiro. L’album ha aspettato il suo momento e ora si prende lo spazio che merita.

“Turning points” brilla grazie ad innesti chitarristici e intrusioni elettroniche arcigne; l’aria è umida e fredda in “River of memories” dove la foschia dei rumori sembra condurre verso strade notturne bagnate di pioggia. La possibilità di rifugiarsi in un sussurro di pace germoglia in “Lifeline” e in “Same old fence”, ma riemerge dalle profondità della Terra tra ombre abissali, stratificazioni fluide e raffinate tessiture in “The lighthouse” e “Indigo”. Al centro del disco il pezzo più bello, “The last touch”: suono della chitarra impastata di sabbia, voce teneramente rude, piega malinconica. “Mulberry fields” è una ballata solitaria, dolce, che trascina tutti nella polvere.

Unexpected revelations” è una rivelazione inaspettata. In alcuni passaggi forse un album troppo sbilanciato verso l’elettronica, più convincente nelle sequenze acustiche, tuttavia funzionante nell’intersezione dei due piani sonori che ci regalano un viaggio emotivo potente.

---
La recensione Unexpected Revelations di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2019-03-13 00:00:00

COMMENTI (3)

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
  • pons 3 anni fa Rispondi

    è ok!

  • pons 3 anni fa Rispondi

    @MrDiska come è il nome corretto?

  • MrDiska 3 anni fa Rispondi

    Recensione molto interessante, mi ha fatto venir voglia di ascoltarli subito! Dovreste però correggere il nome nella recensione!