< PRECEDENTE <
album Quasi fosse una tempesta Nylon

recensione Nylon Quasi fosse una tempesta

2019 - Cantautoriale, Rock, Indie

RECENSIONE
04/07/2019

I Nylon racchiudono nel loro progetto un numero imprecisato di generi e stili musicali, così come evidenziato dal loro nuovo album "Quasi fosse una tempesta".  Si passa infatti facilmente dal country-western delle prime due tracce ("Intro"; "Tre Colpi"), al jazz manouche de "L'indecente" e "Guendaline", il tutto con un occhio rivolto alla scena rock statunitense di fine anni Ottanta à la The Pogues. Dal punto di vita contenutistico, il disco lascia spazio al racconto di vite disordinate, "di gatti randagi in fuga" dalla propria esistenza, a salvifici boccali di birra fresca donati da una donna-angelo ("Guendaline"), fino ad astuti giochi di seduzione da parte di una misteriosa dama ("La dama del fiume azzurro"), possibile personificazione della città d'origine della band, Pavia. 

Nel complesso "Quasi fosse una tempesta" si presenta come un disco godibile, ma che tuttavia non riesce a fare presa nel cuore e nelle orecchie dell'ascoltatore. Sarà la difficoltà dei generi toccati, o la difficoltà nel riconoscersi in ciò che viene cantato, ma l'appeal di questo lavoro non è tra i più forti. Sarebbe interessante vedere i Nylon in un live, dove- sicuramente- riusciremmo ad essere coinvolti con maggiore decisione dal tutto. Comunque, da tenere d’occhio!

Tracklist

Ascolta su: Apple Music Amazon Music Tidal
00:00
 
00:00
Commenti
    Aggiungi un commento:

    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
    Chi ha letto questa recensione ha visto anche:
    > PROSSIMA >
    Pannello

    TOP IT

    La top it è la classifica che mostra le band più seguite negli ultimi 30 giorni su Rockit.

    vedi tutti

    La musica più nuova

    Singoli e album degli utenti, in ordine di caricamento

    vedi tutti
    Cerca tra gli articoli di Rockit, gli utenti, le schede band, le location e gli operatori musicali italiani