Più collettivo artistico che semplice gruppo musicale, i Rein sono composti da Gianluca Bernardo (voce e chitarra acustica), Luca De Giuliani (chitarra elettrica), Claudio Mancini (chitarre e organo) e Pierluigi Toni (basso e contrabbasso). Cresciuti insieme sul finire degli anni '90, sperimentano un nuovo modo di produrre e promuovere la musica, ispirati dal principio fondamentale della condivisione della cultura. Questa scelta fa sì che possano contare sul sostegno di un vasto pubblico, nonchè sull'attenzione dei Media e sulla collaborazione di numerosi artisti. Fieri di essere indipendenti da qualsiasi etichetta discografica, pur non servendosi di un sistema di distribuzione classico, vendono migliaia di copie semplicemente grazie al passaparola tra i loro sostenitori. Con diverse centinaia di concerti alle spalle, i Rein si distinguono per la loro intensa attività live, nonchè per la capacità di portare la propria musica al di là del confine stabilito dal palco. Scavalcando la linea che divide l'artista dal pubblico, può capitare di vederli suonare per le strade di mezza Italia, sui tram di Roma o nel retro di un vecchio furgone su una piazza inondata di gente durante un carnevale. Al tempo stesso riconosciuti come una delle realtà più interessanti del panorama indipendente, compaiono nel calendario di importanti festival internazionali, accanto ad artisti quali Patty Smith, Placebo, Kraftwerk, Aphex Twin, Ska-P e Tracy Chapman. La musica dei Rein è figlia della globalizzazione e del métissage. Profondamente aperti ad ogni contaminazione, si muovono senza sosta tra universi musicali agli antipodi, per non rinchiudersi mai in un genere definito. Folgorati dall'esempio dei Mano Negra, lo reinterpretano con i loro strumenti, per cui i suoni della tradizione popolare italiana e slava sposano i ritmi in levare, che si mescolano a loro volta con il rock e il punk inglesi. A caratterizzare ulteriormente il tutto, è la ricercatezza dei testi di Gianluca Bernardo, dovuta alla grande influenza di Fabrizio De Andrè e del folk americano, primo su tutti Bob Dylan.