Leggi la recensione Video in questo album (2)

Descrizione

"DI IMPERFEZIONE" nasce dopo cinque anni dall'album di debutto "Lontano da tutto", dopo mesi passati in sala prove, tra lavori teatrali, nuovi progetti musicali e molteplici vicissitudini insieme ad Enrico Vitali (Disorder, Bankey Moon) alle chitarre e al basso, Mauro Rosati (Persian Pellican, Epo) al pianoforte, ai synth e al basso e Marcello Piccinini alla batteria (Beatrice Antolini, Durdust). Nel live alla band si aggiungono Enrico Tiberi (Nrec) e Luca Orselli (Lettera 22, I'M Anita).

Una raccolta di canzoni sia come un album di fotografie: spesso le istantanee più riuscite sono quelle non perfette, un po’ sfocate e magari mosse, ma piene di verità e spontaneità. In una parola: umanità. "D’imperfezione" racconta un periodo molto vasto, racchiude in sé tante anime.

Ufficio Stampa: Astarte Agency

Credits

Le canzoni sono state registrate tra il Nufabric Basament di Fermo e il Panic Botton Studio di Londra. Insieme alla band e Serena, Ale Bavo e Filo Quaglia partecipano agli arrangiamenti di sei tracce ("Di imperfezione", "Benedicite", "Invisibile", "Diva Sola", "Pioggia Sul Reduce", "Forse è Culturale"), gli stessi ne producono due ("Credo" e "Il Lago", quest’ultima scritta da Max Casacci e Ale Bavo). Steve Lyon cura la produzione artistica di altri due brani ("1993" e "Via Di Casa", che vede l’amichevole partecipazione dell’attore Paolo Briguglia). "Chiudi gli occhi" è stata scritta e arrangiata da Serena ed Enrico Tiberi, in arte Nrec. Il mastering è stato affidato a Pete Maher (tranne il singolo Credo a cura di Giovanni Versari).

Molti dei testi sono frutto della collaborazione con lo scrittore torinese Luca Ragagnin e del maestro fermano Francesco Ferracuti, entrambi grandi appassionati di musica e dall’animo sensibile.

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati