I pioneri del jazzcore italiano

Gli Splatterpink sono un gruppo italiano sperimentale di Bologna fondato nel 1991 da Diego D'Agata.
Hanno calcato le scene e prodotto 3 album negli anni novanta. Dopo una breve pausa di riflessione, nel 2013 hanno ricominciato a creare musica, e nel 2014 esce il loro quarto album.
La forza del gruppo è data dalla sinergia di testi surreali e cinici innestati su una musica potente e mai uguale a se stessa; ipercinetici, distorti, caratterizzati da ritmiche contorte, gli Splatterpink possono venir considerati come indiscussi antesignani di ciò che parecchi anni dopo sarebbe stato ribattezzato come math-rock, le cui soluzioni sono state adottate da innumerevoli band.
La formazione attuale è:
Diego D'Agata - basso,voce,keys
Alessandro Meroli - sax
Ivano Zanotti - batteria
Federico Bernardi - Chitarra

Grazie anche alla presenza del sax baritono come voce aggiuntiva ed in evidenza, fondono subito elementi jazz all'interno di schemi e stili propri di bands come NoMeansNo o Primus.
Il gruppo si distingue per un'ecletticità ed un'aggressività molto distanti da qualsiasi altra formazione con cantato in italiano di quel momento e, grazie all'uso incendiario e pirotecnico che ne fa il bassista, ridefinisce il ruolo del basso ponendolo come strumento di primo piano.
Non a caso il noto conduttore inglese John Peel li ha programmati più volte durante gli anni '90 nel palinsesto BBC.
Sono stati inoltre definiti da Elio Bussolino, storica firma musicale di Rockerilla, Repubblica e Fare Musica, "una delle più audaci e lucide espressioni della scena indipendente e alternativa nazionale".
Ricostituiti nel 2012, sulla spinta incredibile della comunità di fan creatasi in Internet, dopo un paio di concerti per testare la formazione col batterista definitivo Ivano Zanotti (The Big Drummer) e cooptati da Locomotiv Records hanno prodotto un nuovo album in uscita il 1 Dicembre 2014.

Gli Splatterpink sono un gruppo italiano sperimentale di Bologna, creati nel 1990 dal cantante e bassista Diego D'Agata (o D'Anatra), attualmente anche motore dei Testadeporcu. La forza del gruppo è data dalla sinergia di testi surreali e cinici innestati su una musica potente e mai uguale a se stessa; ipercinetici, distorti, caratterizzati da ritmiche contorte, gli Splatterpink possono venir considerati come indiscussi antesignani di ciò che parecchi anni dopo sarebbe stato ribattezzato come math-rock, le cui soluzioni sono state adottate da innumerevoli band.

Continua a leggere Splatterpink su Wikipedia.