Descrizione a cura della band

Album d'esordio come autore, polistrumentista e vocalist. Lost In The Womb Of The Night è prodotto da Oscar Larizza presso lo studio di produzione Retroguardie, a Bari. L'album è un connubio di pop internazionale (John Legend, Stevie Wonder e Sting fra le influenze) dalle intense connotazioni vintage, profondamente radicato nella black music e con sottili richiami a un certo progressive rock di matrice cantautorale (a cui è possibile associare lontanamente alcuni momenti di Peter Gabriel, Simon and Garfunkel, Crosby Stills and Nash e Franco Battiato). Walter adopera tutti gli strumenti e canta, con l'aiuto di Oscar per arrangiamenti, cori e sintetizzatori monofonici, contribuendo alle parti di basso e chitarra per alcuni brani.
L'intera incisione viene realizzata prevalentemente in studi (con una trasferta a casa di Walter per le parti di pianoforte verticale) in totale analogico su bobine, escludendo quindi completamente l'uso di computer e apparecchiature digitali.

Credits

All instruments and vocals by Walter Celi
Tracks 1, 8, 12: xylophone and glockenspiel by Nicola Porti
Tracks 2, 12: trombone by Vito Scavo
Track 3: guitar by Fabio Larizza
Tracks 5, 7: bass by Fabio Larizza
Track 7: keyboard by Francesco P. Nitti
Tracks 8, 11: trumpet by Donny Balice
Track 9: organ by Moses Howard,
Tracks 9, 11: backing vocals by Melissa Mongelli

Arrangements by Walter Celi

Produced by Walter Celi and Fabio Larizza

Recorded, mixed and mastered by Fabio Larizza at
Retroguardie Produzioni Indipendenti, Bari, Italy.

Recorded on analogue tape, without the use of computers.

Original artwork by Simone De Summa

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati