Leggi la recensione

Descrizione

Fukushima è il nuovo lavoro dei Kleinkief, un'opera rock intrisa di sapiente psichedelia i cui riferimenti vanno in gran parte ricercati nella musica progressive italiana degli anni '70: un solido impianto di chitarre, arrangiamenti vintage ricchi di sfumature e colori fanno che supportano liriche dove il linguaggio dell'onirico impera.

Criptici riferimenti alchemici e vari segnali di pericolo sono disseminati lungo tutto il percorso sonoro offerto in Fukushima; le sei canzoni, per tre quarti d'ora di musica, fanno da cornice a un flusso di immagini che scorre veloce: il bene e il male sono così profondamente intrecciati da non poter essere districati o scissi. Siamo come clandestini imbarcati su una nave fantasma alla deriva, smarriti in un fitto arcipelago di incubi grotteschi.

Fukushima non è il solito disco dal blando linguaggio oscuro e surreale, molto in voga in questi tempi di piena decadenza: Fukushima è esperienza frutto della comprensione, è la pratica dell'analisi del sogno come unico esercizio atto a migliorare il rapporto con il proprio l'inconscio, gesto che può solo rendere più consapevole il mondo tangibile.

D'altronde, non è forse vero che potremo ritrovare noi stessi solamente quando ci riapproprieremo della realtà?

Credits

Musica: Kleinkief

Thomas Zane: voce, chitarra, loop, micromoog, crumar organizer, sonagli

Samuele Giuponi: batteria, campanelli, sonagli

Nicolo' De Giosa: chitarra, crumar organizer

Claudio Favretto: rhodes,farfisa

Fabio Barlese: chitarra

Erik Ursich: basso, solina, mellotron m400, clavinet d6, minimoog, synthacon, sh 5, synthi aks, damaru, nga, rolmo, tyngsha, chitarra

Elena Vianello: sussurri in "Grattacieli" e "Il regno"

Testi: Thomas Zane eccetto "Grattacieli" e "Capogiro inspirato" di Thomas Zane e Fabio Macellari

Registrato da Alberto De Grandis presso il C32 "live arts culture", alla fine di Maggio 2015

Mixato da Alberto De Grandis e Kleinkief
Master curato da Alberto De Grandis
Preproduzione di Nicolo' De Giosa

Artwork Matteo Scorsini

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati