album Festa Farina Forca Max Ribbenz

Max Ribbenz Festa Farina Forca

compra

2011 - Rock, Progressive, Alternativo

Tracklist

Ascolta su: Apple Music Amazon Music Tidal
00:00
 
00:00
Leggi la recensione Video in questo album (6)

Descrizione a cura della band

Questa espressione può intendersi come la traduzione del motto latino “panem et circenses”, che sintetizza gli elementi fondanti ( intrattenimento continuo sotto forma di spettacoli e manifestazioni ludiche, garanzia di minimi livelli di sussistenza almeno per la maggioranza dei cittadini, repressione o, meglio, ghettizzazione dei dissidenti) mediante i quali il potere politico perpetua e solidifica se stesso , ponendo in essere tecniche, ormai raffinatissime, di controllo e di indirizzo della massa , protagonista (spesso solo formale) dei sistemi politici nominalmente democratici.
“Festa, farina, forca” vuole essere un concept album imperniato su una vicenda , esemplare dei nostri tempi, che ha come protagonista un impiegato licenziato che emigra , lasciando la moglie incinta, per risolvere i suoi problemi finanziari e familiari. Ben presto il protagonista scopre ,su un piano non del tutto razionale, la sua condizione di estraneità al modello esistenziale dominante, promettendo a se stesso di non omologarsi a tale concezione della realtà: in questo modo la sua condizione di emigrante assurge a coscienza di disadattato; una coscienza che lo porterà ad estreme conseguenze.
Dal punto di vista strettamente musicale il lavoro consta di sei parti, oscillando da sonorità estreme a toni più soffusi , con la presenza di una canzone popolare (corrispondente al momento descrittivo riassumente la vicenda del licenziamento e della partenza del protagonista) in forma di tarantella.
Pane e giochi del circo. - Sono parole di Giovenale che si lamenta come questo fosse, ai suoi tempi, l'unico desiderio del popolino. Tredici secoli più tardi Lorenzo il Magnifico sosteneva: Pane e feste tengon il popol quieto. Nel regno delle Due Sicilie, per raggiungere lo stesso scopo, la politica dei Borboni aveva come fondamento le tre F: feste, farina, forca.

Credits

LUIGI DI CARLUCCIO: Voce – Flauto dolce soprano – Flauto dolce tenore
MICHELE TAURONE : Chitarra elettrica – Chitarra classica
GABRIELE COPPOLA : Basso - Chitarra elettrica
TONY TEDESCO: Batteria

Commenti
    Aggiungi un commento:

    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
    Pannello

    La musica più nuova

    Singoli e album degli utenti, in ordine di caricamento

    vedi tutti
    Cerca tra gli articoli di Rockit, gli utenti, le schede band, le location e gli operatori musicali italiani