< PRECEDENTE <
album No, Grazie - Sputi Sui Muri

recensione Sputi Sui Muri No, Grazie

2020 - Rock, Demenziale

RECENSIONE
13/04/2020

All'alba degli anni '20 c'è gente che continua a credere e ribadire l'importanza della musica demenziale nel panorama italiano, ora più che mai c'è bisogno di una sferzata di buon umore, dati i ben noti sviluppi sul piano sanitario internazionale: in tale contesto, Sputi Sui Muri (che già dal nome è un programma) pubblica il proprio disco d'esordio intitolato con un eloquente “No, grazie”.

Un rifiuto cortese lungo undici brani (tre dei quali sono skit di transizione) dove la musica in battere e levare (che rientra nei gusti del progetto artistico, citando la biografia) accompagna i testi che parlano, col giusto gradiente surreale, di vita quotidiana e relative sventure. Sembra quasi un melodioso storytelling degli scazzi che possono capitare a giorni alterni a chiunque, e si finisce per empatizzare restando incuriositi da cos'altro può andare di male in peggio.

Nel complesso, il disco risulta gradevole e riesce a catalizzare bene l'attenzione attraverso saliscendi musicali e performance vocale dal pigli recitativo. Da Bergamo, Sputi Sui Muri può diventare una nuova, bella realtà della musica demenziale: ad un cordiale “No, grazie” io rispondo convinto “sì, ancora!”.

Tracklist

00:00
 
00:00
Commenti
    Aggiungi un commento:

    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
    Chi ha letto questa recensione ha visto anche:
    > PROSSIMA >
    Pannello

    TOP IT

    La top it è la classifica che mostra le band più seguite negli ultimi 30 giorni su Rockit.

    vedi tutti

    ULTIMI ALBUM

    Gli ultimi album con ascolti caricati dagli utenti.

    vedi tutti