VEGETABLE G

[Biografia]



Il progetto nasce come puro esperimento di Giorgio Spada che dal 2002, col nome di VEGETABLE G ed insieme al chitarrista e bassista Luciano D'Arienzo, pubblica due dischi:

A PERFECT SPRING (Audioglobe 2003) ed EPIC MONO (Family affair 2005) per l'etichetta discografica Minus Habens, storica label indipendente nel panorama della musica elettronica e electrowave.

Nel 2006 i "Vegetali" annunciano l'ingresso in formazione del batterista Maurizio Indolfi e un anno dopo pubblicano il loro primo disco pop-rock-psichedelico GENEALOGY (Venus 2007) seguito da CALVINO (Venus 2009), entrambi prodotti da Olivia Records.

Durante il tour estivo del 2010 la band si espande avvalendosi della presenza del bassista Michele Stama, fondamentale soprattutto in vista delle registrazioni, le prime con testi tutti in lingua italiana, dell'ep "La filastrocca dei nove pianeti", uscito il 26 maggio 2011 in digitale via Kiver e prodotto da ALA BIANCA, e del quinto disco "L'Almanacco Terrestre" che vede luce il 13 di settembre 2011 (label: ALA BIANCA / distr.: WARNER).

La copertina del nuovo lavoro vince il terzo premio all'International Photography Awards 2011 con lo scatto realizzato dal fotografo Giovanni Troilo.

Il 16 novembre 2011 esce il video del primo singolo "L'almanacco terrestre" per la regia Giovanni Troilo ed in esclusiva per Wired.it.

Dal 2007 la band è in giro per l'Italia.

DOMUS PARTY (Milano 2008), MI AMI (Milano 2008), SIX DAYS SONIC MADNESS (Guardia Sanframondi - Benenvento 2008), CONTROTOUR - Controradio (Bari 2008), opening act THE LEMONHEADS c/o CIRCOLO DEGLI ARTISTI (Roma 2008), opening act THE MORPHINE c/o NEL NOME DEL ROCK (Palestrina 2009).

Dopo un ricco bilancio di soddisfazioni e attività segue la programmazione sull'emittente QOOB.it del video di "THE COX MAN" (tratto dall'album Genealogy).

Tra le attività maggiori:

la composizione della colonna sonora per lo spot del marchio Q-OD (2006), il brano "Capsule of love" (tratto da A perfect spring) diviene una delle colonne sonore del film "Che cosa manca" (RAI Cinema/Eskimosa 2006), la composizione della colonna sonora per la mostra su Pechino, dell'Agenzia Contrasto, presso la Triennale di Milano (2007), il brano "Dreamkeeper" (tratto da Epic Mono) diviene colonna sonora dello spot di sensibilizzazione ministeriale del POGAS in onda su tutte le principali emittenti radiofoniche e tv (2007).

La nota rivista internazionale di arti visive Fefè visual magazine segnala e riporta il logo dei Vegetable G come una delle immagini più interessanti nella "cultura" visiva presente sul web.

Un ulteriore riconoscimento dell'intenso percorso dei Vegetable G arriva con l'inserimento del brano "Arcade lovers" (Calvino 2009) nell'esclusiva compilation di PUGLIA SOUNDS, allegata al numero di novembre 2010 della rivista XL di Repubblica successivamente riproposta come tripla compilation per le maggiori fiere musicali internazionali con un nuovo brano sempre tratto dall'album Calvino dal titolo "Space forms", nel cd "Pop & beyond"...chiude "la trilogia" l'ultimissima compilation di Puglia Sounds uscita, sempre in allegato ad XL, con il numero di novembre 2011 e contenente il brano "L'uomo di pietra". "La filastrocca dei nove pianeti" è ufficialmente tra le 100 canzoni più belle del 2011 secondo il noto portale di musica "rockit.it".

Al 24 settembre 2012 è fissata l'uscita dell'ep dal titolo BE EP, prodotto da Ala Bianca e distribuito da iTunes e dai migliori distributori digitali, nei giorni a precedere è prevista l'uscita del video ufficiale, in esclusiva per Wired.it, de "La filastrocca dei nove pianeti" (tratto da "L'almanacco terrestre), su brano riarrangiato dagli stessi Vegetable G mentre il brano “Io, te e il Sole”, tratto dal nuovissimo ep, più contenuto video, è già nella compilation che porta il marchio di "Unomundo" [Press & Promo Agency] (A toys orchestra, I Giardini di Mirò...), in esclusiva per il sito di XL di Repubblica.