Tracklist

00:00
 
00:00
Leggi la recensione Video in questo album (1)

Descrizione a cura della band

Human Quasar è il primo lavoro ufficiale degli Aemaet, un concept album che vive di dualità: l'uomo e il quasar, due elementi agli antipodi dello spazio e del tempo, quanto esista di più vicino e di più lontano.

Rappresentano anche e soprattutto i due lati opposti in cui è diviso il loro album:
materia bianca e materia oscura, come a dire la veglia ed il sonno, la lotta e la resa, la speranza di un miglioramento e la scelta di rimandare il tutto ad una prossima vita.

Se nel lato A della materia bianca, in cui tutto è tangibile, fisico, reale, i contorni dei
personaggi e le loro personalità, le loro risposte alla crudeltà della società occidentale, appaiono nitide e chiare, ciò non si può dire della materia oscura (il lato B) che giace nei meandri del subconscio.
In uno spazio universale, oscuro ed ignoto, le personalità di cui prima giacciono e fluttuano confuse nello « Slumber of God ». E chissà se basterà loro rifugiarsi nel mondo dei sogni, da sempre luogo di riparo, per scampare all'assurdità del mondo reale della veglia?

Credits

Lyrics by Cristian suardi and Cristian Ciccone

(P)2013 aemaet

Co-producer: Felipe Praino
artwork (c) and (p): Andrea Petrillo and Aemaet - powered by Sabrina Raschioni
Human Quasar has been recorded at the "Black Comics Home Studio” by Cristian Ciccone in the summer 2012,
except some guitar tracks recorded at Felipe Praino’s Creative Production Lab
Acoustic guitars in "A boy called hermes" recorded by Cristian Ciccone
Guitars in songs 6, 7, 8, 9, 10 recorded by Cristian Ciccone, Matteo Ciano and Gianluca Meschino.
Evil Voices in song 1 performed by Giulio De Filippis
Edited by Cristian Ciccone and Felipe Praino
Programming, Loops, Samples, Synhts and Piano by Aemaet and Felipe Praino
Mixed and mastered by Felipe Praino at his Creative Production Lab in the fall of 2012
Aemaet and Felipe Praino really want to thank Chris Lord-Alge and Bob Clearmountain for the inspiration
Special thanks to: our families,Felipe Praino, Andrea petrillo, Alice from Red Cat Records and
Sabrina Raschioni
Maurizio Ialongo for the electricity, and our invincible computer!
We really want to thank Lokomotiv Association for the precious support thx guys
We dedicate "Andy the mothman" to the memory of Andy Poor:
We dont know where you are We really dont know who you were
And we’ll never know bye friend
Find Andrea Petrillo s works here://www.youtube.com/radiodellamemoria
join Sabrina Raschioni on fb to see her works,

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati