Linea 77 / Live report, 06/11/2019

Il ritorno trionfale dei Linea 77

La prima data del tour della band torinese è una festa da sold out all'Alcatraz di Milano, assieme a loro Ensi, Samuel dei Subsonica, Dj Slait, e tanti altri. I Linea rimangono una certezza su tutti i fronti
07/11/2019 12:11

Chi è che nel 2019 va ancora ad ascoltare i Linea 77? 

E’ la domanda che ci siamo posti qualche giorno fa in redazione, prima di andarli a sentire ieri sera all’Alcatraz di Milano per la loro data di debutto di "Server Sirena"e la riposta è molto semplice: tutti

Appena entrati nel noto locale milanese l’atmosfera che si respira è un melting pot di spettatori perfettamente bilanciato: giovani (anzi giovanissimi), mamme e papà con tanto di bambini, qualcuno con la maglietta dei Ritmo Tribale, cinquantenni abbottonati che preferiscono il nu metal all’analista, e poi capelli lunghi, barbe e bicchieri colmi di birra. 

Foto di Nicola BragaFoto di Nicola Braga 

Il gruppo di Venaria Reale è stato l'unico che nel 1993 riuscì a mischiare rap e metal come nessuno era mai riuscito prima e ad oggi abbiamo la conferma che i ragazzi in questo, rimangono i migliori. "Server Sirena", il loro ultimo disco uscito l’11 ottobre di quest’anno, è stata la consacrazione di 25 anni di illustre carriera, arricchito al suo interno dalla partecipazione di molti artisti diversi; un album nato in un backstage dalla semplice sfida di voler unire i top player della scuderia INRI con la crew della MACHETE.

Sul palco dell’Alcatraz ieri sera è stato un continuo flusso di energia potentissima che non è mai scemata, merito anche di tutti gli ospiti che si sono susseguiti sul palco pezzo dopo pezzo.

Foto di Nicola BragaFoto di Nicola Braga

Su “La Caduta” è arrivato Victor Kwality, Jack The Smoker è salito sulle note di “Senzalternativa" e ancora Axos in “Prision”, Ensi in "Sangue Nero", “Play and Rewind” con Hell Raton, “AK 77” con Dj Slait, “Cielo Piombo” insieme a Samuel e sul gran finale i Subsonica al completo su “666 (Diabolus In Musica)”.

Hell Raton/ Foto di Nicola BragaHell Raton/ Foto di Nicola Braga

Non sono mancati i momenti di retromania, doverosi con uno storico di 8 album all’attivo: "Il Veleno", "Inno all’odio", "Moka", "Fantasma", "Il mostro" sono solo alcuni dei pezzi che hanno letteralmente fatto impazzire la folla sotto palco, che ad occhio e croce ha pogato per 3/4 del concerto, com è giusto che sia. All’appello manca Salmo, ma poco importa perché la sua strofa in "AK77" l’hanno fatta cantare a tre ragazzi del pubblico, saliti appositamente sul palco per rimpiazzare il rapper sardo. 

Samuel dei Subsonica/Foto di Nicola BragaSamuel dei Subsonica/Foto di Nicola Braga

Se per tutta la prima parte del concerto i Linea 77 non si sono dilungati in chiacchiere, sbranando i brani uno dopo l'altro con la grinta che li caratterizza, arrivati vero la fine l'atmosfera si è totalmente distesa, tramutandosi in un festa tra amici di vecchia data.

Axos/Foto di Nicola BragaAxos/Foto di Nicola Braga

Dopo una trivellata di colpi tra batteria, chitarra, stage diving e urli fuori controllo (con Sir Bob Cornelius Rifo aka The Bloody Beetrots) i ringraziamenti non si sono fatti attendere; c’era grande emozione nel vedere tra le prime file ragazzi di appena vent’anni (che i pezzi li conoscevano tutti, a memoria), gratitudine per chi aveva macinato chilometri pur di esserci e sicuramente un senso di appartenenza corale molto marcato: tutte le persone che erano lì ieri sera non si sarebbero persi quel concerto per nulla al mondo. E hanno fatto bene

 

---
L'articolo Il ritorno trionfale dei Linea 77 di Chiara Lauretani è apparso su Rockit.it il 07/11/2019 12:11

Tag: live report

Pagine: Linea 77

Commenti
    Aggiungi un commento:

    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati