05/06/2014

In un futuro post-apocalittico, nel Nord del Mondo, in un luogo in cui i bambini fuggono, i padri sono corrotti dal potere e le donne non vogliono più avere figli, i Viandanti sono gli unici che, conservando i libri, cercano di far rivivere e non cancellare mai la memoria dell’ umanità. Ultimo (l’Ultimo Cuore, puro e incontaminato), guidato da un Viandante, arriverà fino alle Foreste del Sud, dove troverà i bambini e incontrerà Sophia, la saggezza perduta (“Sophia è andata via altrove non le hai chiesto più niente”), riscrivendo così la storia e liberando tutti dall’apatia e dall’ottusità che ha portato alla distruzione.

Non una storia così irreale, "L'utimo Cuore" è un concept album che narra di una guerra, di una caduta e di un’ascesa, di una rinascita. Roberta Cartisano, polistrumentista, cantautrice, cittadina del mondo, con estrema grazia e melodie eteree (grazie anche ad un frequente uso del pianoforte solista e di chitarre acustiche) coinvolge il pubblico viandante, perché partecipi e cerchi di guardare la realtà con altri occhi. Poesia in musica, arte attraverso fotografie sonore. È un canto libero. È riflessione. È un viaggio paragonabile ad altri che conosciamo bene e che permettono ad ognuno di interpretatare secondo la propria volontà, da Noè e il Diluvio Universale a Frodo Baggins ne " Il Signore degli Anelli" di J.R.R. Tolkien. In questo caso la missione spetta a chi è più puro in assoluto, chi non è ancora stato contaminato e riesce a vedere le cose nella loro vera essenza, Ultimo ed i bambini (“E nelle mani dei bambini tutto cambia / E anche i soldi sono solamente carta”), per concludersi con un concetto solenne e nobile: chiedere perdono a Sophia, ringraziare, e tornare ad amare. Un lavoro che lascia senza fiato. 

---
La recensione Killing Cartisano - Recensione - L'ultimo cuore di Angela Filippi è apparsa su Rockit.it il 16/07/2019

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati