Leggi la recensione Video in questo album (9)

Descrizione

"Viaggi senza ritornello" è la seconda tappa dell’iter cantautoriale di Luca Ferraris, un album ironico e tragico, poetico e riflessivo in cui ogni brano porta un doppio titolo: quello della canzone e quello della città dove è stata scritta o concepita. Il disco è un attento e reale sguardo sul mondo, una lucida riflessione sulla dignità umana e la sua battaglia contro lo spersonalizzante avvento del progresso. Da Praga a Marrakech, dal Messico al Perù, da Napoli a Padova, le canzoni descrivono momenti vissuti in prima persona, reali e partecipati, e raccontano un mondo fatto di piccoli esseri umani, di grandi dignità, di umane debolezze e grandi mostruosità, ribadendo l’uguaglianza assoluta tra i caratteri che popolano il mondo e il loro solidale gioire e soffrire. L’album si arricchisce di contaminazioni musicali che spaziano dalla musica latina a quella locale, da quella cubana a quella klezmer, da quella balcanica a quella jazz, dal folk locale a quello della tradizione zingara, dalla musica tradizionale napoletana a quella araba. Nel disco suonano musicisti affermati della scena italiana quali: Riccardo Marogna (clarinetto dei Bube Sapravie, degli A.I.R.E. e della Piccola Bottega Baltazar), Sergio Marchesini (fisarmonica e pianoforte della Piccola Bottega Baltazar), Leo Virgili, Stefano Bragagnolo e Predrag Pijunovic dei balcanici Radio Zastava, il cubano Pedro Almanza (già congassero di Jovanotti e Piero Pelù), il trombettista jazz Alessandro Garau, il salentino Marco Pellegrino (fisarmonica e tammorra dei salentini Picari), il virtuoso chitarrista marocchino Akram Chakir, Enrico Pellegrino (chitarrista dei Victor Young), il batterista/percussionista Marco Bonutto, Giulio Gavardi (eclettico chitarrista degli Ajde Zora e de L'osteria dei pensieri), Thomas Callegaro (violinista e polistrumentista de L'osteria dei pensieri) e il contrabbassista Pietro Sconza (già bassista della band Burkina lounge). Partecipano inoltre con dei featuring il cantautore bolognese Mirco Menna (già voce del calabrese Parto delle Nuvole Pesanti dopo Peppe Voltarelli), l’affermato pianista pordenonese Remo Anzovino e l’anziano busker inglese Victor L.C. Young.

Credits

Grande vecchio:
- L.F.: Pianoforte, voce
- Pietro Sconza: Contrabbasso
- Alessandro Garau: Tromba
- Riccardo Marogna: Clarinetto
- Enrico Pellegrino: Chitarra
- Sergio Marchesini: Fisarmonica
- Stefano Bragagnolo: Minibatteria
- Predrag Pijunovic: Tapan
- Marco Bonutto: Piatti

Plaza de armas:
- L.F.: Charango, voce, guiro, cabasa, shaker, crotales nepalesi, flexatone, sonagli
- Pietro Sconza: Contrabbasso
- Leo Virgili: Trombone
- Alessandro Garau: Tromba
- Julio Cesar Cores: Banjharango
- Pedro Almanza: Congas

Bianchi o rossi:
- L.F.: Pianoforte, voce, darbuka, agogo bells
- Pietro Sconza: Contrabbasso
- Costel Budescu: Fisarmonica
- Alessandro Garau: Tromba
- Riccardo Marogna: Clarinetto
- Enrico Pellegrino: Chitarra
- Marco Bonutto: Rullante, piatti
- Predrag Pijunovic: Tapan

Pasqua di paese:
- L.F.: Pianoforte, voce, rullante, timpano, piatti
- Mirco Menna: Voce
- Pietro Sconza: Contrabbasso
- Sergio Marchesini: Fisarmonica
- Giulio Gavardi: Mandolino
- Thomas Callegaro: Violino
- Marco Pellegrino: Tammorra

Duemiladodici:
- L.F.: Pianoforte, voce, guiro, scacciapensieri, cabasa, crotales nepalesi, flexatone, sonagli, campana
- Pietro Sconza: Contrabbasso
- Alessandro Garau: Tromba
- Riccardo Marogna: Clarinetto, clarinetto basso
- Enrico Pellegrino: Chitarra
- Victor L.C. Young: Sega
- Ciro Alvino: Fischio
- Pedro Almanza: Congas
- Marco Bonutto: Batteria
- Carmelo Gaudino, Ivan Rizzotto e Davide Tagliasacchi: Voci urlanti

Puerto Canal:
- L.F.: Pianoforte, voci, metallofono, guiro, rullante, maracas, clave, agogo bells
- Pietro Sconza: Contrabbasso
- Alessandro Garau: Tromba
- Leo Virgili: Trombone
- Mirko Di Cataldo: Chitarre
- Pedro Almanza: Congas
- Julio Cesar Cores: Bongos, campanaccio

Malastrana:
- L.F.: Pianoforte, voce, clave
- Pietro Sconza: Contrabbasso
- Sergio Marchesini: Fisarmonica
- Riccardo Marogna: Clarinetto
- Pedro Almanza: Congas
- Marco Bonutto: Batteria

Io e Davide nel deserto:
- L.F.: Pianoforte, voce
- Pietro Sconza: Contrabbasso
- Alessandro Garau: Tromba
- Riccardo Marogna: Clarinetto basso
- Victor L.C. Young: Sega
- Stefano Bragagnolo: Minibatteria
- Predrag Pijunovic: Tapan

Mantra dal Marocco:
- L.F.: Kalimba, voce, darbuka, bongos, gnawa crotales, timpano
- Pietro Sconza: Contrabbasso
- Giulio Gavardi: Saz
- Akram Chakir: Chitarre, gnawa crotales
- Riccardo Marogna: Ciaramella
- Pedro Almanza: Congas

Penzanno‘a salute:
- L.F.: Pianoforte
- Mirco Menna: Voce
- Pietro Sconza: Contrabbasso
- Giulio Gavardi: Mandolino
- Stefano Bragagnolo: Minibatteria
- Predrag Pijunovic: Tapan

Il lustrascarpe e l’oste:
- L.F.: Charango, voce
- Enrico Pellegrino: Chitarra
- Remo Anzovino: Pianoforte
- Thomas Callegaro: Violino

Testi e Musiche:
Luca Ferraris

Arrangiamenti:
Collettivi

Prodotto da:
Luca Ferraris

Eccetto:
”Puerto Canal” Testo: Luca Ferraris e Ignazio De Guglielmi
“Penzanno’a salute” Testo e musica: Tradizionale (Pisano, Lama)

Registrato da Mirko Di Cataldo allo Studio Mobile 80 tra Giugno e Dicembre 2011 in collaborazione con SaMPL
www.myspace.com/mirkodicataldo

Mixaggio e mastering:
Max Trisotto

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati