< PRECEDENTE <
album Sogni Presunti - Stranatrama

recensione Stranatrama Sogni Presunti

2020 - Rock, Alternativo, Garage

RECENSIONE
16/08/2020

Sogni Presunti è il titolo del disco d'esordio degli Stranatrama, band piemontese originaria di Ivrea.

Il quintetto si presenta come un'orchestrina rock e da un primo ascolto possiamo confermare che l'intento è quello: fare un buon rock sulla scia delle band che hanno fatto bene o male la storia del nostro panorama indipendente dagli anni Ottanta in poi. Sono evidenti dalle prime note de "La priorità" le influenze di una band piemontese d'eccezione come i Marlene Kuntz, mentre "Il tuo richiamo" porta alla mente senza dubbio le melodie e i ritmi di un'altra super band locale, i Subsonica. Tra rock alternativo e tentativi ben riusciti di orecchiabilità si inserisce alla perfezione la title track "Sogni presunti" e, andando avanti con l'ascolto, possiamo citare tra i brani migliori "Un altro destino" (altra reminiscenza dei Marlene dell'ultimo decennio) e la conclusiva "Vento del sud". Tra le altre cose, si inserisce in mezzo all'album anche una coraggiosa cover di "Amore che vieni, amore che vai" che, non me ne vogliano gli amici eporediesi, sarebbe anche il caso di smettere di violentare a piacimento (non ci riferiamo esclusivamente a questo episodio).

In conclusione, Sogni Presunti è un buon disco di rock alternativo all'italiana, con ovvi alti e bassi dettati anche dalla scelta di inserire parecchie tracce nell'album d'esordio di una band che cerca ancora i suoi ritagli di originalità. Complessivamente siamo di fronte ad un disco sufficiente, piacevole e apprezzabile per gli amanti e i nostalgici delle nostre band vecchio stampo, chiaramente ancora deboluccio su molti altri aspetti sui quali siamo certi si possa lavorare. L'importante è che le chitarre siano tornate, speriamo per molto tempo ancora.

Tracklist

Ascolta su: Apple Music Amazon Music Tidal
00:00
 
00:00
Commenti (2)
Carica commenti più vecchi
  • davide 33 giorni fa

    Gruppo interessantissimo, altro che sufficiente! Ma poi questa versione di "amore che vieni amore che vai" di De André, onestamente mi sembra una delle più fighe che abbia sentito, dopo quella di Battiato (sicuramente meglio di quelle di Ex-Otago e di Diodato) ci sarebbe stata benissimo nell'album tributo "Faber Nostrum"

    > rispondi a @ddavide
  • s_t_e 28 giorni fa

    e questi da dove saltano fuori? wow, che bella scoperta. marco, sicuro di averli ascoltati bene? secondo me i subsonica non c'entrano affatto, io ci vedo molte più similitudini con i verdena. e infuenze new wave

    > rispondi a @s_t_e
Aggiungi un commento:

ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
Chi ha letto questa recensione ha visto anche:
> PROSSIMA >
Pannello

TOP IT

La top it è la classifica che mostra le band più seguite negli ultimi 30 giorni su Rockit.

vedi tutti

ULTIMI ALBUM

Gli ultimi album con ascolti caricati dagli utenti.

vedi tutti
Cerca tra gli articoli di Rockit, gli utenti, le schede band, le location e gli operatori musicali italiani